Voglio provare... gli spinaci della Nuova Zelanda

Piante insolite e rare
07 settembre 2016


Gli spinaci della Nuova Zelanda sono una verdura da taglio originaria della zona del Pacifico, in realtà non correlata agli spinaci veri e propri, ma simile per gusto e utilizzo.

Spinaci della Nuova Zelanda

Gli spinaci della Nuova Zelanda in breve


Gli spinaci della Nuova Zelanda (Tetragonia tetragonioides) vennero scoperti dal capitano Cook e utilizzati per integrare la dieta dei marinai: veniva consumata come verdura da taglio, cotta o sottaceto, per introdurre vitamine e prevenire lo scorbuto.

La pianta è nativa della Nuova Zelanda, Australia, Argentina e Cile, ma si è in seguito diffusa anche in altre zone, grazie alla sua capacità di autoseminarsi.

Ha piccole foglie a forma di cuore, di colore verde brillante, spesse con consistenza croccante, e tendono a arrotondarsi verso l'esterno. La pianta ha aspetto differente dagli spinaci, cui in effetti non è correlata, ma merita il nome perché il gusto delle foglie, sia cotte che consumate crude, ricorda molto quello degli spinaci.

Spinaci della Nuova Zelanda

Coltivare gli spinaci della Nuova Zelanda


Gli spinaci della Nuova Zelanda si seminano in primavera direttamente a dimora, non appena le temperature lo consentono.

Interrare a circa mezzo centimetro di profondità, con una distanza di impianto di almeno 20 cm in caso di coltivazione in terra, o prevedendo 3-4 piante in un contenitore di 25-30 cm di diametro per la coltivazione in vaso.
La pianta infatti ha portamento prostrato e tende a espandersi in orizzontale, creando lunghi grovigli.


Spinaci della Nuova ZelandaIl raccolto delle foglie tenere inizia dopo poche settimane dalla nascita, e procede scalarmente per tutti i mesi estivi e autunnali, fino all'arrivo delle prime gelate.

Il raccolto si può effettuare anche durante la fioritura: i fiori sono gialli e piccoli, e in poco tempo sviluppano dei baccelli rotondi, che contengono i semi.
Attenzione, i baccelli anche appena spuntati non sono adatti al consumo in cucina, perché rimangono coriacei anche dopo una prolungata cottura. E' bene cimare le sommità fiorite, perchè la pianta produca foglie di qualità migliore.


Spinaci della Nuova ZelandaGli spinaci della Nuova Zelanda hanno un comportamento quasi infestante: facilmente i baccelli libereranno i semi tutt'intorno, creando nuove piantine anche nella stessa stagione. Poiché le piante vecchie tendono a produrre foglie più piccole e coriacee, è una buona abitudine estirpare le generazioni precedenti, favorendo invece le nuove piante nate naturalmente, creando un ricambio almeno una volta all'anno, o più in caso di clima favorevole.

Gli spinaci della Nuova Zelanda sono estremamente resistenti al clima freddo, e contrariamente a altre varietà di verdura da taglio resistono bene anche alla siccità, anche se ovviamente producono meglio in ambiente umido e ben irrigato: seminateli nell'orto o nei vostri contenitori e avrete una pianta saporita, da raccogliere per molti mesi all'anno.

Tra i molti pregi, gli spinaci della Nuova Zelanda non vengono attaccati da nessun tipo di parassita, cavolaie, afidi e nemmeno le lumache sembrano amare le loro foglie.

La pianta tende a svilupparsi in orizzontale, e coltivata in balcone e in terrazzo tenderà a fuoriuscire dal contenitore, pendendo verso il basso. Ricordiamo comunque che le piante troppo sviluppate daranno foglie più distanziate e di dimensione e qualità ridotta.

Spinaci della Nuova Zelanda

Consumare gli spinaci della Nuova Zelanda


Degli spinaci della Nuova Zelanda si consumano le foglie, crude o cucinate. Raccolte tenere sono da aggiungere a insalate, guarnizioni per tartine, farciture per panini e sandwich. Sono un perfetto contorno per carni rosse e bianche, e si accostano bene anche a formaggi e uova.

Nonostante l'aspetto croccante, gli spinaci della Nuova Zelanda si cucinano velocemente, saltati in padella o sbollentati.

E' consigliabile non aggiungere sale, poiché contengono sodio e altri sali minerali.
Come gli spinaci contengono acido ossalico, che può essere eliminato in parte sbollentando le foglie prima del consumo.

Link correlati
Sfogliate tutte le ricette di insalate pubblicate su Erbe in Cucina.
Leggete verdure da taglio da coltivare in autunno, articolo ricco di idee per arricchire le vostre insalate nella stagione fredda.
Si chiamano spinaci... il malabar o spinaci indiani sono un altro esempio di verdura da taglio non correlata agli spinaci, ma simile in gusto e molto consigliata.


Piante insolite e rareVoglio provare... piante insolite e rare: recensioni di vegetali particolari o poco diffusi, informazioni sulla pianta, consigli per la coltivazione, suggerimenti e idee per il consumo in cucina.



Voglio provare... il fagiolo di GoaTre anni fa: Voglio provare... il fagiolo di Goa

Sei anni fa: Focaccia con tonno e timo
Sette anni fa: I peperoncini ornamentali scuri, 2 e Salsa piccante con semi di finocchio
Potrebbe interessarvi...

Ricetta: Crema di spinaci, borragine e aneto


Salse, condimenti e intingoli alle erbe

Gallery correlate



Aggiungi un commento
Date prima un'occhiata alla pagina delle FAQ per trovare subito una risposta alle domande più comuni.


 


Per commentare inserire le scritte della foto nella casella sottostante.
Autore:
 
Mail:
 
URL:

Ultimi articoli

Ricetta: Crackers ai fiori di sambuco
Biscotti salati e sfoglie alle erbe
Ho voluto preparare dei crackers all'olio d'oliva per la mia famiglia, ma devo ammettere che io stessa mi sono sorpresa del risultato. I cracker fatti in casa non solo sono...

Fiore di rucola
I fiori che non vi aspettate
La primavera si avvicina, e molte piante seminate in autunno giungono alla fine del loro ciclo vitale con la fioritura. Quando questo accade, la pianta inizia a svilupparsi in...

Ricetta: Zuppa di cozze al crescione
Pesce e frutti di mare alle erbe aromatiche
Una ricetta ispirata alla celebre soupe de moules bretone, con l'aggiunta di un mazzetto di crescione d'acqua per contrastare la dolcezza delle cozze e della cipolla, resa cremosa...

Il pepe rosa
Spezie viste da vicino
Il pepe rosa si ottiene dai frutti di un albero, detto comunemente albero di pepe rosa (Shinus molle) o anche falso pepe, originario degli altopiani dell'America meridionale. La...

Ricetta: Burritos di pollo al coriandolo e cumino
Crepes, pancakes e tortillas alle erbe
I burritos sono una ricetta di origine messicana, che è stata reinterpretata e resa famosa nel mondo dalla cucina tex-mex. Tipico street food preparato in versioni sempre diverse,...

La foto di oggi:

Cipolla rossa di Brunswick
Tutti gli articoli