Aromatiche e ornamentali: il gelsomino

Erbe aromatiche dalla semina alla cucina
14 settembre 2016


Esistono numerosissime varietà di gelsomino, spesso native della Cina o altre regioni asiatiche, ma adatte anche al clima mediterraneo, dove si sono ben diffuse al punto da crescere anche spontaneamente allo stato selvatico. Sono tutte caratterizzate dall'aroma inconfondibile e penetrante dei loro fiori, che riempirà il vostro giardino.

Gelsomino

Il gelsomino in breve


Il gelsomino (Jasminum sp.) è una famiglia di piante in genere a comportamento rampicante, ma anche arbustive, coltivate come piante ornamentali. Le varietà più comuni hanno fiori di un bianco molto luminoso, con cinque o sei petali di forma ovale e allungata, grandi circa 5-6 cm, ma esistono anche varietà a fiore rosato o giallo, oppure con fiori dalla forma e aspetto differente.

Il gelsomino fiorisce a estate inoltrata, fino all'inizio dell'autunno. I fiori hanno vita breve e sfioriscono nell'arco di uno o due giorni, ma una pianta di medie dimensioni ne produce centinaia nuovi ogni giorno.
Il loro profumo è particolarmente intenso durante le ore pomeridiane e serali, e una pianta di gelsomino in giardino caratterizzerà le vostre serate estative con il suo inconfondibile profumo.

Un tempo utilizzato come pianta officinale, al giorno d'oggi le sue proprietà officinali non sono riconosciute dalla medicina moderna. L'aromaterapia considera comunque l'aroma di gelsomino come euforizzante, che dovrebbe aiutare a inibire il dolore e gli stati depressivi.


Gelsomino

Coltivare il gelsomino


Il gelsomino è una pianta perenne, dalla vita lunga e produttiva, che non necessita di cure particolari a parte una eventuale potatura di contenimento di rami più vecchi e affollati, da effettuare a anni alterni o anche ogni tre-quattro anni. Teme però le gelate e il clima rigido, e in tal caso si deve coltivare in contenitore, dove avrà sviluppo ridotto e andrà portato al riparo durante l'inverno.

Il gelsomino non ha particolari esigenze in termini di irrigazione e esposizione, è piuttosto resistente e tollera una breve mancanza di irrigazione. Può produrre anche in esposizione coperta ma fiorisce meglio in mezz'ombra.

Si riproduce principalmente per talea, da raccogliere in Ottobre. Tagliare rametti lunghi circa 10 cm, provvisti di una porzione del ramo portante. Le talee non radicano facilmente, è bene produrne un gran numero. Le piante generate dalle talee si tengono in coltura protetta per tutto l'inverno, e si mettono a dimora la primavera successiva, in un terreno ben concimato.
Le giovani piante sono ovviamente meno resistenti delle piante adulte, e vanno irrigate con attenzione e esposte in una posizione riparata ma non in ombra per svilupparsi bene.

Gelsomino

Raccogliere e utilizzare il gelsomino


A livello industriale l'utilizzo principale del gelsomino è per la preparazione del the al gelsomino e per la realizzazione di profumi. I fiori vengono inoltre raccolti per creare decorazioni di vario genere, ghirlande, bouquet, centrotavola.

I fiori si raccolgono da Luglio a Settembre, e possono essere essiccati per essere uniti a pout-pourri o altre composizioni con fiori secchi.
Per utilizzare il loro aroma in cucina tuttavia, i fiori di gelsomino si utilizzano appena raccolti: essiccati infatti il loro aroma viene perso quasi del tutto, anzi alcune varietà sviluppano un aroma sgradevole che non assomiglia per niente al risultato desiderato.

Un trucco molto semplice per ottenere una profumazione di gelsomino per i vostri dolci è lasciare i fiori appena raccolti in infusione in acqua o latte per un tempo almeno di un paio di ore, o per tutta una notte. L'infuso a base di acqua o latte si può quindi utilizzare per preparare gelati, o aggiunto all'impasto di biscotti, torte e crostate.

Gelsomino

Preparare il the al gelsomino


Un discorso a parte merita il the al gelsomino, preparato in Cina da migliaia di anni con una elaborata lavorazione: le foglie di the raccolte e essiccate la primavera precedente e durante l'estate vengono mescolate a fiori di gelsomino appena raccolti. I fiori rimangono a contatto del the per una notte, in modo da cedere gli oli essenziali, e il giorno dopo si procede con altri fiori freschi. Il procedimento viene ripetuto fino a sette giorni (più volte si ripete, più la qualità del the sarà alta), quindi i fiori, ormai privi di aroma vengono eliminati o lasciati come decorazione. Il the viene nuovamente essiccato e è pronto da essere immesso nel mercato.

Con alcuni accorgimenti e un po' di pazienza, è possibile utilizzare i vostri fiori per preparare da voi il the al gelsomino, ripetendo in casa l'antica tradizione orientale.
Il the da utilizzare deve essere scelto con cura, una varietà priva di altre aromatizzazioni, e non proveniente da bustine, dove le foglie sono tritate in modo eccessivo.
Una scelta consigliata è un the Darjeeling di buona qualità, mentre da escludere selezioni già aromatizzate come l'Earl Grey, o il the verde Gunpowder, dall'aroma troppo intenso.

GelsominoIl the si mescola ai fiori in proporzione di 1 fiore per grammo di the, quindi raccoglierete con pazienza 100 fiori di gelsomino per 100g di the. Esaminare i fiori per eliminare eventuali insetti, e non lavarli.
Mescolare the e fiori in un contenitore e chiudere.

Tenere per 36 ore (dalla sera alla mattina di due giorni dopo), agitando di tanto in tanto il contenitore, quindi eliminare tutti i fiori e fare essiccare nuovamente il the. Attenzione, il the avrà assorbito l'umidità dei fiori di gelsomino, è importante farlo asciugare per prevenire lo sviluppo di muffe.

Ripetere nuovamente il procedimento con un nuovo raccolto di fiori, almeno una volta.

Trovate maggiori dettagli sul sito I segreti del the a proposito della preparazione del the al gelsomino, della sua storia e curiosità varie negli articoli:
The verde al gelsomino
Preparare in casa il the al gelsomino

The e tisane alle erbe e spezieNell'articolo the e tisane alle erbe e spezie trovate idee per preparare the e tisane diverse dal solito, quali erbe usare e come raccoglierle, spiegazioni, suggerimenti, ricette per infusi e decotti.



Le erbe e le spezie della cucina franceseUn anno fa: Le erbe e le spezie della cucina francese
Due anni fa: Fiore di patata
Tre anni fa: Voglio provare... piante insolite e rare
Cinque anni fa: Erbe aromatiche a Settembre
Sei anni fa: Frittata alle erbe con pomodori verdi fritti
Sette anni fa: Besan ka cheela (Crepes indiane) e Crostata di pomodoro e origano
Otto anni fa: I peperoncini verdi
Tags: The e tisane  
Potrebbe interessarvi...

Aromatiche e ornamentali: il timo serpillo


Erbe aromatiche dalla semina alla cucina
L'anice menta


Erbe aromatiche dalla semina alla cucina
0 commenti

Gallery correlate



Aggiungi un commento
Date prima un'occhiata alla pagina delle FAQ per trovare subito una risposta alle domande più comuni.


 


Per commentare inserire le scritte della foto nella casella sottostante.
Autore:
 
Mail:
 
URL:

Ultimi articoli

Ricetta: Frollini alla salvia e menta
Dolci alle erbe e spezie
Un pizzico di salvia e della menta essiccate, dal raccolto dell'estate scorsa, aromatizzano questi frollini croccanti eppure morbidi dentro, perfetti da inzuppare. Le erbe si...

Ricetta: Crema di asparagi al curry
Zuppe e creme di verdure alle erbe e spezie
Il curry è una miscela di spezie originaria della cucina indiana, ma ben nota in tutto il mondo. Uno degli ingredienti principali è la curcuma, che dona ai cibi una nota decisa di...

Riconoscere erbe e spezie: le brassicaceae
Coltivare le erbe aromatiche
Tra le brassicaceae si annoverano non solo tutte le varietà di cavolo, ma anche diverse erbe aromatiche e spezie, tra cui senape, rafano, crescione e numerose verdure da taglio di...

Ricetta: Insalata di spinaci, capicollo e cranberries
Dall'orto al piatto
Tra le mie scoperte degli ultimi anni, una delle più apprezzate dalla mia famiglia sono stati gli spinaci indiani, noti anche come malabar. Si tratta di una pianta in realtà...

Fiori di ravanello
I fiori che non vi aspettate
Come ogni anno, a fine estate ho seminato le colture autunnali, erbe e ortaggi adatti alla stagione fredda: coriandolo, aneto, prezzemolo, cerfoglio, ravanelli, carote,...

Tutti gli articoli

In evidenza

Il cerfoglio