Voglio provare... la pastinaca

Piante insolite e rare
10 aprile 2013


La pastinaca è un vegetale antico, che ha conosciuto maggiore diffusione nei secoli scorsi mentre ai giorni nostri è stato parzialmente dimenticato.
Forse non è facile reperire nei mercati queste radici di colore bianco, dal gusto dolce e ricco, ma la loro coltivazione è piuttosto semplice, perfetta per la stagione autunnale ma possibile anche in estate.

Pastinaca

La pastinaca in breve


La pastinaca appartiene alla stessa famiglia delle carote, e produce radici dalla forma e sapore simile, che si differenziano per la consistenza più tenera e gusto meno pungente.

Molto diffusa in tutta Europa durante il Medio Evo e il Rinascimento, la pastinaca era nota soprattutto come cibo dei poveri insieme alle patate, veniva consumata lessa o fritta, fatta fermentare per preparare bevande alcoliche o addirittura ridotta in purea come pappina per neonati.

Similmente alle carote, si può consumare cruda soprattutto se raccolta tenera, o dopo la cottura. Ha un gusto dolce, rustico e sano, che richiama i sapori di una volta, e si presta a una moltitudine di ricette: creme di verdure, crocchette, verdure al forno e al vapore.

Attenzione, anche se la forma delle radici e il gusto ricordano le carote bianche, la pastinaca è una pianta differente. Trovate informazioni su carote bianche e di altri colori diversi dal solito nell'articolo carote colorate.


Pastinaca

Coltivare la pastinaca


E' preferibile coltivare la pastinaca durante la stagione fredda, seminando a Settembre direttamente a dimora, in un terreno morbido, ben vangato e privo di sassi, per consentire alle radici di allungarsi senza incontrare ostacoli, altrimenti potrebbero svilupparsi con forma biforcuta o contorta.

I semi di pastinaca hanno una vitalità breve, e è consigliato usare solo semi freschi.
Seminare a 1 cm di profondità, con una distanza di impianto di almeno 15 cm.
La germinazione è lenta e avviene nell'arco di due-tre settimane con condizioni climatiche favorevoli, ma può richiedere anche tempi più lunghi.

PastinacaLa pastinaca è leggermente tardiva rispetto a altri ortaggi da radice, e il raccolto avviene in genere a partire da quattro o cinque mesi dalla semina.
Attenzione, a differenza delle carote le pastinache non fuoriescono dal terreno quando pronte, quindi l'aspetto delle piante potrebbe ingannare. Per scoprire se sono pronte da raccogliere è consigliabile scavare delicatamente il terreno con un bastoncino per verificare se le radici sono cresciute in larghezza.

Similmente a carote, ravanelli e altri ortaggi da radice, è certamente possibile la coltivazione della pastinaca in contenitore in terrazzo o in balcone, accettando che avendo spazi limitati anche i raccolti lo saranno.

In zone dove il clima non diventa mai afoso durante l'estate, e d'inverno vi sono troppe gelate è possibile optare per la coltivazione estiva della pastinaca, seminando in primavera per raccogliere in tardo autunno o a inizio inverno.

Esistono molte varietà di pastinaca i cui semi sono reperibili nei negozi online, soprattutto all'estero, dove questo ortaggio conosce maggior fortuna.
Ne ho provate alcune nel corso degli anni, e la mia preferita è la varietà Guernsey, che ha la caratteristica di produrre radici compatte, più larghe e corte delle altre.

Pastinaca

Consumare la pastinaca


Anche se è possibile consumare la pastinaca cruda, è preferibile cuocerla per avere una maggiore digeribilità, e anche un gusto più dolce.

La pastinaca deve essere pelata e si può cucinare in molte ricette che prevedano carote o patate: cotta al vapore, aggiunta al brodo o al minestrone, ridotta in purea, aggiunta all'impasto di crocchette e frittelle.

Una ricetta di sicuro effetto per un veloce contorno è condire le pastinache con miele, olio, sale e spezie e cuocerle al forno, da sole o con altre verdure.

Un'altra ricetta caldamente consigliata: Crema di pastinaca e cipolletta rossa, una delicata crema di verdure perfetta per una fredda serata invernale.


Piante insolite e rareVoglio provare... piante insolite e rare: recensioni di vegetali particolari o poco diffusi, informazioni sulla pianta, consigli per la coltivazione, suggerimenti e idee per il consumo in cucina.



The e tisane alle erbe e spezieUn anno fa: The e tisane alle erbe e spezie

Due anni fa: Erbe aromatiche ad Aprile

Tre anni fa: Aprile in giardino: Divisione dei cespi

Quattro anni fa: Giovani piante: Jalapeno e Erbacce?
Potrebbe interessarvi...

Ricetta: Crema di pastinaca e cipolletta rossa


Zuppe e creme di verdure alle erbe

Gallery correlate



Aggiungi un commento
Date prima un'occhiata alla pagina delle FAQ per trovare subito una risposta alle domande più comuni.


 


Per commentare inserire le scritte della foto nella casella sottostante.
Autore:
 
Mail:
 
URL:

Ultimi articoli

Ricetta: Crackers ai fiori di sambuco
Biscotti salati e sfoglie alle erbe
Ho voluto preparare dei crackers all'olio d'oliva per la mia famiglia, ma devo ammettere che io stessa mi sono sorpresa del risultato. I cracker fatti in casa non solo sono...

Fiore di rucola
I fiori che non vi aspettate
La primavera si avvicina, e molte piante seminate in autunno giungono alla fine del loro ciclo vitale con la fioritura. Quando questo accade, la pianta inizia a svilupparsi in...

Ricetta: Zuppa di cozze al crescione
Pesce e frutti di mare alle erbe aromatiche
Una ricetta ispirata alla celebre soupe de moules bretone, con l'aggiunta di un mazzetto di crescione d'acqua per contrastare la dolcezza delle cozze e della cipolla, resa cremosa...

Il pepe rosa
Spezie viste da vicino
Il pepe rosa si ottiene dai frutti di un albero, detto comunemente albero di pepe rosa (Shinus molle) o anche falso pepe, originario degli altopiani dell'America meridionale. La...

Ricetta: Burritos di pollo al coriandolo e cumino
Crepes, pancakes e tortillas alle erbe
I burritos sono una ricetta di origine messicana, che è stata reinterpretata e resa famosa nel mondo dalla cucina tex-mex. Tipico street food preparato in versioni sempre diverse,...

Tutti gli articoli