Coltivare il crescione

Consigli per la coltivazione e il raccolto
03 gennaio 2012


Il crescione dei giardini è una pianta che consiglio vivamente: soffre il caldo e la mancanza d'acqua, ma nelle giuste condizioni climatiche le piante diverranno presto rigogliose e saranno da raccogliere spesso offrendo freschi mazzetti dal particolare gusto pungente.

Crescione

Crescione (Lepidium sativum)


Il crescione o crescione dei giardini è una pianta aromatica annuale, con lunghi steli croccanti sormontati da piccole foglie. Ciascuna singola pianta ha dimensioni ridotte, e è pertanto consigliabile coltivarne in grande quantità, anche con una ridotta distanza di impianto di pochi centimetri.

Del crescione si consumano steli e foglie, raccolti scalarmente durante tutto il periodo produttivo. Il crescione si consuma crudo o in ricette dalla cottura molto breve, e per il suo gusto pungente è un perfetto contrasto per piatti ricchi di gusto come carne, formaggio e uova.

Il crescione dei giardini non va confuso con il crescione d'acqua (Nasturtium officinale), si tratta di piante con aspetto e esigenze differenti, anche se caratterizzate dallo stesso gusto pungente.

Crescione

Coltivare il crescione dei giardini


Il crescione dei giardini ha un ciclo vitale piuttosto breve, e teoricamente è possibile seminarlo in qualunque momento dell'anno per avere nell'arco di un mese delle piante già pronte da raccogliere. Tuttavia è bene considerare che soffre il troppo caldo e la mancanza d'acqua, e per questo io preferisco seminarlo a metà autunno, per avere freschi raccolti fino alla primavera successiva.

Si semina direttamente a dimora, a spaglio, in modo che le piantine siano piuttosto ravvicinate per ottimizzare la produzione.
I semi germinenano in 7-10 giorni, e i primi raccolti si hanno nell'arco di qualche settimana e proseguono per diversi mesi, finché le piante non fioriscono. Non è necessario diradare le piante.


Fiore di crescioneCome nel caso di molte altre erbe, all'inizio della fioritura le piante diverranno più alte e infine fioriranno. In tal caso le foglie cambiano forma e sapore e non sono più da raccogliere.

Tuttavia per via dei tempi piuttosto brevi del ciclo di vita del crescione, non tutte le piante fioriscono contemporaneamente: anche se alcune si stanno sviluppando in altezza, molte altre potrebbero essere ancora nella fase del raccolto.


Semi di crescioneDai fiori si sviluppano dei piccoli baccelli che contengono i semi, da raccogliere quando diventano marroni per la semina dell'anno successivo.


Il crescione è coltivabile in ampi contenitori.
Gradisce suolo morbido, ben irrigato e esposizione soleggiata o in mezz'ombra.
Il crescione si coltiva anche solo per consumare i germogli, in tal caso va raccolto e estirpato completamente dopo pochi giorni dalla germinazione, quando le piante sono alte 4-5 cm.

Crescione: scheda di coltivazione


Semina


Quando seminare: in qualunque periodo dell'anno, a meno di gelate o di periodi di di siccità.
Profondità della semina: a spaglio, coperto da un velo di terra.
Semina autunnale: consigliata soprattutto in zone dove l'estate troppo asciutta rende la coltivazione difficoltosa. Possibile anche la semina nei mesi invernali.

Trapianto


Il crescione è una pianta a sviluppo rapido, da seminare direttamente a dimora, il trapianto è fortemente sconsigliato.
Coltivazione in contenitore: sì purchè abbastanza largo

Posizione e cure


Terreno: umido
Esposizione: tollera la mezz'ombra, evitare esposizione troppo diretta nei mesi estivi.
Clima: il crescione gradisce un ambiente ben irrigato e non tollera la siccità, mentre è resistente ai climi più rigidi.

Aspetto della pianta


Altezza: 15 cm durante il raccolto, le piante crescono in altezza durante la fioritura.
Foglie: di colore verde chiaro e forma lobulata, cambiano forma durante la fioritura e non sono più adatte al consumo.
Fiori: piccoli e di colore bianco.
Semi: presenti in piccoli baccelli che maturano sulle sommità

Raccolto


Cosa raccogliere: il crescione si coltiva per il consumo delle foglie fresche.
Primi raccolti: come il nome suggerisce, il crescione è una pianta a crescita rapida pronta per il raccolto nell'arco di qualche settimana dalla semina.
Periodo del raccolto: il raccolto delle foglie procede scalarmente anche per diversi mesi, finché la pianta non inizia a fiorire.
Conservazione: il crescione si consuma fresco.

Fine stagione


Comportamento: annuale
Note: in genere è consigliabile estirpare il crescione quando inizia a fiorire, e seminarlo nuovamente per avere nuovi raccolti.
Semi: lasciare andare a seme una pianta per raccogliere i semi necessari alla semina dell'anno successivo


Crescione

Ricette con il crescione


Il crescione è ricco di vitamine e sali naturali, e il suo gusto acidulo e pungente lo rende particolarmente gradevole.
Si accosta perfettamente a cibi grassi e ricchi di gusto, come formaggi, salmone affumicato, carne e uova, con cui crea un netto contrasto.
Un mazzetto di crescione è una perfetta guarnizione per frittate, zuppe e tartine, mentre un'idea caldamente consigliata è preparare dei Saltimbocca al crescione


Maggiori dettagli: Il crescione in cucina.
Tutte le ricette con il crescione.

Crescione di terra

Il crescione di terra


Il crescione di terra o crescione americano (Barbarea verna) è una pianta dall'aspetto differente rispetto al crescione dei giardini, ma dal gusto molto simile.
Le sue foglie leggermente carnose hanno forma tondeggiante e dimensione di circa 3-4 cm, e la pianta è resistente alle basse temperature come e forse anche più del crescione dei giardini, rivelandosi particolarmente adatta alle colture autunnali.

Il crescione di terra si raccoglie dopo poche settimane dalla semina, per il consumo immediato, con un utilizzo in cucina simile al crescione dei giardini.

Maggiori informazioni: il crescione di terra.



Santoreggia
Un anno fa: La Santoreggia in Cucina

Due anni fa: Coltivare le proprie erbe aromatiche: Nepeta, Nepetella, Melissa, Coriandolo
Potrebbe interessarvi...

Coltivare l'anice


Consigli per la coltivazione e il raccolto
0 commenti


Aggiungi un commento
Date prima un'occhiata alla pagina delle FAQ per trovare subito una risposta alle domande più comuni.


 


Per commentare inserire le scritte della foto nella casella sottostante.
Autore:
 
Mail:
 
URL:

Ultimi articoli

Ricetta: Frollini alla salvia e menta
Dolci alle erbe e spezie
Un pizzico di salvia e della menta essiccate, dal raccolto dell'estate scorsa, aromatizzano questi frollini croccanti eppure morbidi dentro, perfetti da inzuppare. Le erbe si...

Ricetta: Crema di asparagi al curry
Zuppe e creme di verdure alle erbe e spezie
Il curry è una miscela di spezie originaria della cucina indiana, ma ben nota in tutto il mondo. Uno degli ingredienti principali è la curcuma, che dona ai cibi una nota decisa di...

Riconoscere erbe e spezie: le brassicaceae
Coltivare le erbe aromatiche
Tra le brassicaceae si annoverano non solo tutte le varietà di cavolo, ma anche diverse erbe aromatiche e spezie, tra cui senape, rafano, crescione e numerose verdure da taglio di...

Ricetta: Insalata di spinaci, capicollo e cranberries
Dall'orto al piatto
Tra le mie scoperte degli ultimi anni, una delle più apprezzate dalla mia famiglia sono stati gli spinaci indiani, noti anche come malabar. Si tratta di una pianta in realtà...

Fiori di ravanello
I fiori che non vi aspettate
Come ogni anno, a fine estate ho seminato le colture autunnali, erbe e ortaggi adatti alla stagione fredda: coriandolo, aneto, prezzemolo, cerfoglio, ravanelli, carote,...

La foto di oggi:

Menta coreana
Tutti gli articoli