Coltivare l'origano

Consigli per la coltivazione e il raccolto
02 aprile 2011


L'origano è una pianta generosa, facile da coltivare e da raccogliere, e stropicciare le sue foglie in estate ogni volta che vi si passa vicino è quasi irresistibile.
Ho coltivato sia l'origano comune che l'origano greco, che consiglio vivamente perché più aromatico anche se meno resistente e ornamentale.

Fiore di origano

Origano (Origanum vulgare)


L'origano è una pianta di aspetto cespuglioso e un po' disordinato, con piccole foglie a forma di cuore della dimensione di 1 cm circa e grandi infiorescenze bianche o viola a seconda della varietà.

Dell'origano si consumano principalmente le sommità fiorite, raccolte appena prima della piena fioritura e essiccate.
L'origano si associa alla cucina mediterranea, ma è usato anche in ricette mediorientali, messicane e creole.


Origano

Coltivare l'origano


L'origano si può seminare in coltura protetta già in tardo inverno, oppure in primavera direttamente a dimora. I semi sono molto piccoli e per grandi quantità si semina un grammo di semi per metro quadrato.
Pressare appena i semi nel terreno sciolto, germineranno in 7-14 giorni.

In caso di semina a dimora è bene diradare le piante se sono troppo fitte.
In caso di semina in semenzaio considerate una distanza di impianto di almeno 30-40 cm al momento del trapianto.
Entrambe le operazioni sono da effettuare quando le piantine sono sufficientemente sviluppate.


OriganoIl raccolto si effettua scalarmente a partire dalla prima estate, quando la maggior parte dei fiori sono aperti ma non sfioriti.

Le sommità fiorite dell'origano si raccolgono in mazzetti da essiccare all'ombra.
Potete conservarli in mazzetti, o sbriciolarli una volta essiccati e conservarli in un barattolo, lontano da umidità, luce e fonti di calore.


Anche le foglie dell'origano si raccolgono per uso culinario, anche se meno aromatiche dei fiori.
A fine estate è bene fare andare a seme alcune piante, lasciando essiccare i fiori per poter raccogliere i semi.

Origano rinasceTuttavia l'origano è una pianta perenne: in autunno inoltrato ripulite i cespi e non vangate il suolo, e rinascerà in primavera con una nuova produzione.


L'origano è coltivabile in vaso, purché non troppo piccolo.
Gradisce suolo asciutto e soprattutto una esposizione fortemente soleggiata.

Origano grecoUna variante dell'origano è l'origano greco: con fiori bianchi più piccoli, ma dall'aroma molto intenso.
La pianta è meno resistente e necessita di qualche attenzione in più, ma i raccolti vi riempiranno di soddisfazione.


Origano: scheda di coltivazione


Semina


Quando seminare: in coltura protetta già in tardo inverno, oppure in primavera direttamente a dimora
Profondità della semina: pressare appena o seminare a spaglio e coprire con un velo di terriccio molto sciolto
Semina autunnale: sconsigliata

Trapianto


Periodo: trapiantare le piantine dalla coltura protetta quando sono grandi abbastanza da essere maneggiate, con una distanza di impianto di 30-40 cm
Coltivazione in contenitore: sì purchè si utilizzi un contenitore abbastanza grande, soprattutto per l'origano di tipo vulgaris che le cui infiorescenze raggiungono grandi dimensioni

Posizione e cure


Terreno: asciutto e ben drenato, da irrigare con cautela
Esposizione: ben soleggiata
Clima: preferisce climi caldi per produrre al meglio

Aspetto della pianta


Altezza: la pianta ha andamento prostrato, ma le infiorescenze possono raggiungere la lunghezza di 70 cm o più
Foglie: piccole e tondeggianti, di colore verde scuro
Fiori: viola nella varietà vulgaris e bianchi nell'origano greco, disposti a formare grandi infiorescenze
Periodo di fioritura: tutta l'estate
Semi: sono estremamente minuscoli e maturano nei fiori lasciati sfiorire

Raccolto


Cosa raccogliere: le sommità fiorite durante la piena fioritura
Primi raccolti: delle foglioline tenere di origano possono essere raccolte in modo limitato prima della fioritura e usate fresche
Periodo del raccolto: durante l'estate
Conservazione: le sommità fiorite si raccolgono in mazzetti da essiccare all'ombra. In seguito si possono stropicciare o conservare interi

Fine stagione


Comportamento: perenne, va in quiescenza ma rinasce la primavera successiva
Note: ripulire i cespi e non vangare il terreno durante i mesi freddi
Semi: lasciare sfiorire un'infiorescenza anzichè raccoglierla durante la fioritura per ottenere i semi



Origano secco

Ricette con l'origano


L'origano è usato -oltre che sulla pizza- anche in stufati, salse e torte salate. Si sposa perfettamente con pomodoro, formaggi cremosi e manzo.
Raccolto fresco, si usa in insalate come nella Insalata di portulaca e origano.

Unito a altre erbe aromatiche si usa in varie miscele, per aromatizzare il pangrattato per le impanature (provate la ricetta Pesce Spada con impanatura aromatica), e come aggiunta speciale al bouquet garni.

Maggiori dettagli: L'origano in cucina.
Tutte le ricette con l'origano.



Trapianto peperonciniTre anni fa:

Peperoncini: trapianto di tutte le piante
Potrebbe interessarvi...

Coltivare le proprie erbe aromatiche - Le spezie, 2


Paprika - Sesamo - Fieno Greco - Nigella
0 commenti

Gallery correlate



Aggiungi un commento
Date prima un'occhiata alla pagina delle FAQ per trovare subito una risposta alle domande più comuni.


 


Per commentare inserire le scritte della foto nella casella sottostante.
Autore:
 
Mail:
 
URL:

Ultimi articoli

Ricetta: Frollini alla salvia e menta
Dolci alle erbe e spezie
Un pizzico di salvia e della menta essiccate, dal raccolto dell'estate scorsa, aromatizzano questi frollini croccanti eppure morbidi dentro, perfetti da inzuppare. Le erbe si...

Ricetta: Crema di asparagi al curry
Zuppe e creme di verdure alle erbe e spezie
Il curry è una miscela di spezie originaria della cucina indiana, ma ben nota in tutto il mondo. Uno degli ingredienti principali è la curcuma, che dona ai cibi una nota decisa di...

Riconoscere erbe e spezie: le brassicaceae
Coltivare le erbe aromatiche
Tra le brassicaceae si annoverano non solo tutte le varietà di cavolo, ma anche diverse erbe aromatiche e spezie, tra cui senape, rafano, crescione e numerose verdure da taglio di...

Ricetta: Insalata di spinaci, capicollo e cranberries
Dall'orto al piatto
Tra le mie scoperte degli ultimi anni, una delle più apprezzate dalla mia famiglia sono stati gli spinaci indiani, noti anche come malabar. Si tratta di una pianta in realtà...

Fiori di ravanello
I fiori che non vi aspettate
Come ogni anno, a fine estate ho seminato le colture autunnali, erbe e ortaggi adatti alla stagione fredda: coriandolo, aneto, prezzemolo, cerfoglio, ravanelli, carote,...

La foto di oggi:

Polvere nera piccante
Tutti gli articoli