Coltivare la liquirizia

Consigli per la coltivazione e il raccolto
11 dicembre 2013


Se siete amanti dell'aroma inconfondibile della liquirizia, provate a coltivarla: in giardino o in contenitore, dopo alcuni anni di attesa e poca cura necessaria delle piante avrete costanti raccolti di radici profumate.

Liquirizia

Liquirizia (Glycyrrhiza glabra)


La liquirizia (o liquerizia) è una pianta perenne, che cresce spontanea in molte regioni d'Italia a clima temperato. L'aroma che la rende famosa si ricava dall'olio essenziale estratto da radici e stoloni, raccolti da piante di almeno tre anni di età.


LiquiriziaLa parte aerea della pianta ha lunghi steli verticali da cui si dipartono piccole foglie verde chiaro di forma ovale.

I fiori si presentano come grappoli di piccoli fiori bianchi e violetti. Non sono particolarmente aromatici, ma svilupperanno dei baccelli entro cui matureranno i semi, utili per propagare la pianta. La liquirizia infatti appartiene alle leguminacee o leguminose, e i suoi frutti sono piccoli baccelli marrone rossastro, contenenti ciascuno 2-5 semi.


Liquirizia

Coltivare la liquirizia


La liquirizia si può coltivare per semina, purchè i semi siano molto freschi e provenienti da fonte affidabile, o non germineranno.

E' consigliabile seminare in piccoli vasetti in coltura protetta, a inizio della primavera. I semi germineranno in 10-21 giorni, ma le piantine si svilupperanno in modo relativamente veloce.
Trapiantare le piante nella loro dimora definitiva quando superano l'altezza di 12-15 cm, con una distanza di impianto di almeno 20 cm.

L'apparato radicale delle piante di liquirizia dovrà avere modo di svilupparsi molto: scegliete un terreno sciolto, ben drenato, e libero da sassi.

Se avete optato per la coltivazione in contenitore, sceglietene uno alto almeno 35-40 cm, con terriccio sciolto e ricco.


LiquiriziaPer i primi tre anni di vita, la liquirizia deve solo essere irrigata in modo da non patire la siccità.

Ogni autunno, quando le temperature minime si avvicinano allo zero, tutte le foglie cadono e la parte aerea della liquirizia muore.
A questo punto è consigliabile effettuare una potatura, tagliando a pochi centimetri dalla base gli steli morti.


LiquiriziaA ogni primavera assisterete al risveglio vegetativo delle piante di liquirizia, con nuovi getti verdi che emergono dal suolo.

Pulite l'aiola o il contenitore dalle infestanti o dall'eventuale muschio, con delicatezza per non danneggiare le piante.


Raccogliere e conservare la liquirizia


Il raccolto si effettua in tardo autunno, a partire dal terzo anno di età (ma anche durante gli anni successivi).

E' consigliabile aspettare che la parte aerea inizi a perdere le foglie e morire: a quel punto gli oli essenziali saranno maggiormente concentrati sull'apparato radicale, e il prodotto raccolto avrà quindi un aroma più intenso.

LiquiriziaScavare in profondità intorno alle piante in caso di coltivazione in terra, o estrarre tutta la pianta dal contenitore.
Eliminando il terriccio intorno, rendere visibile più possibile l'apparato radicale, cercando di non danneggiare la pianta: ovviamente è possibile estirpare completamente le piante all'atto del raccolto, ma così invece potrete continuare a raccogliere la liquirizia anche l'autunno successivo.


LiquiriziaIndividuare i fasci di stoloni, ovvero le parti di radice che si sviluppano in orizzontale e sceglierne diversi di diametro di 1 cm circa, dall'andamento dritto e regolare.
Effettuare un taglio netto con una cesoia, e sfilare gli stoloni dal groviglio di radici.


Rinvasare o interrare nuovamente la pianta, con cura, evitando di lasciare dei vuoti sotterranei e coprendo con uno strato di terriccio ricco di compost.

LiquiriziaRipulire il raccolto dalle radici di dimensione minore e tagliare in bastoncini lunghi 10-12 cm.


LiquiriziaRaschiare via ogni residuo terroso, sciacquare velocemente senza lasciare i bastoncini immersi in acqua, asciugare e lasciare essiccare per 10-15 giorni.

Le radici hanno colore terroso esternamente, mentre sono giallo chiaro all'interno. La parte esterna può essere eliminata al momento dell'uso, per ottenere un colore più uniforme e gradevole, ma può anche essere consumata.


Liquirizia

La liquirizia in cucina


La liquirizia ha un aroma inconfondibile, dolciastro e intenso, difficile da descrivere, che si accosta a ricette sia dolci che salate.

E' possibile utilizzare le radici di liquirizia per aromatizzare marmellate e altri dolci, e aggiungerle a infusi e tisane alle erbe.
Un velo di liquirizia tritata aromatizza gradevolmente tartine, piatti di pasta e risotti a base di formaggi: nella foto il gustoso riso ai formaggi e liquirizia.


Attenzione, la liquirizia ha effetto leggermente lassativo e decongestionante, ma dosi eccessive causano ipertensione arteriosa.
Nell'articolo the e tisane alle erbe e spezie trovate diverse idee di tisane con liquirizia. Alcuni esempi:
Tisana digestiva: anice stellato, anice verde, finocchio selvatico, liquirizia, menta.
Tisana depurativa: liquirizia, radice di tarassaco, rosmarino.
Tisana per l'intestino: altea, finocchio selvatico, liquirizia, malva, timo.



Peperoncino Pimento Piquillo
Tre anni fa: Peperoncino Pimento Piquillo

Quattro anni fa: I peperoncini in autunno e inverno
Potrebbe interessarvi...

Coltivare la melissa


Consigli per la coltivazione e il raccolto
0 commenti

Gallery correlate



Aggiungi un commento
Date prima un'occhiata alla pagina delle FAQ per trovare subito una risposta alle domande più comuni.


 


Per commentare inserire le scritte della foto nella casella sottostante.
Autore:
 
Mail:
 
URL:

Ultimi articoli

Ricetta: Frollini alla salvia e menta
Dolci alle erbe e spezie
Un pizzico di salvia e della menta essiccate, dal raccolto dell'estate scorsa, aromatizzano questi frollini croccanti eppure morbidi dentro, perfetti da inzuppare. Le erbe si...

Ricetta: Crema di asparagi al curry
Zuppe e creme di verdure alle erbe e spezie
Il curry è una miscela di spezie originaria della cucina indiana, ma ben nota in tutto il mondo. Uno degli ingredienti principali è la curcuma, che dona ai cibi una nota decisa di...

Riconoscere erbe e spezie: le brassicaceae
Coltivare le erbe aromatiche
Tra le brassicaceae si annoverano non solo tutte le varietà di cavolo, ma anche diverse erbe aromatiche e spezie, tra cui senape, rafano, crescione e numerose verdure da taglio di...

Ricetta: Insalata di spinaci, capicollo e cranberries
Dall'orto al piatto
Tra le mie scoperte degli ultimi anni, una delle più apprezzate dalla mia famiglia sono stati gli spinaci indiani, noti anche come malabar. Si tratta di una pianta in realtà...

Fiori di ravanello
I fiori che non vi aspettate
Come ogni anno, a fine estate ho seminato le colture autunnali, erbe e ortaggi adatti alla stagione fredda: coriandolo, aneto, prezzemolo, cerfoglio, ravanelli, carote,...

Tutti gli articoli

In evidenza

Il crescione