Coltivare il tarassaco

Consigli per la coltivazione e il raccolto
24 giugno 2009


Fiori di tarassaco

Tarassaco (Taraxacum officinale)


Il tarassaco, noto anche come soffione o dente di leone, è un'erba che nasce spontanea in molti prati.
E' bene precisare che si tratta di una pianta infestante: le sue radici rinascono ogni primavera e i semi generati dai suoi fiori si propagano facilmente nelle zone vicine.
Tuttavia, poichè la pianta è interamente commestibile, e ha proprietà tali da essere considerata una pianta officinale, ho ritenuto interessante fornire qualche consiglio per la sua coltivazione e soprattutto per l'utilizzo di ogni sua parte.


Coltivare il tarassaco


La coltivazione del tarassaco non richiede quasi nessun intervento.
Seminare in primavera, direttamente a dimora, distanziando i semi di 25-30 cm, e interrandoli a una profondità di mezzo centimetro.
Il tarassaco è una pianta perenne, e anche se la sua rosetta di foglie scompare se l'inverno è troppo rigido, la radice sopravvive e genera nuove foglie fresche in primavera.

Il tarassaco è coltivabile in vaso, purchè particolarmente largo.
Necessita di esposizione soleggiata, e tollera bene anche i terreni più aridi, anche se deve essere irrigato regolarmente se si vuole utilizzarlo.


Tarassaco: scheda di coltivazione


Semina


Quando seminare: inizio primavera, direttamente a dimora.
Profondità della semina: 5 mm
Semina autunnale: possibile per il raccolto delle foglie, la fioritura avverrà comunque in primavera.

Trapianto


Il trapianto è possibile ma non necessario, la semina può avvenire direttamente a dimora.
Coltivazione in contenitore: sì purchè largo e profondo per lasciare sviluppare bene le radici durante gli anni.

Posizione e cure


Terreno: irrigato ma ben drenato.
Esposizione: tollera la mezz'ombra ma fiorisce meglio in esposizione soleggiata.
Clima: produce foglie di qualità inferiore in periodi afosi, tollera bene climi freddi.

Aspetto della pianta


Altezza: 10-15 cm, i fiori crescono su lunghi steli che raggiungono i 50 cm.
Foglie: di forma allungata e seghettata, partono da una rosetta centrale.
Fiori: giallo acceso.
Periodo di fioritura: estate.
Semi: nei caratteristici soffioni che il vento disperde naturalmente (e spesso anche in modo indesiderato).

Raccolto


Cosa raccogliere: la pianta viene utilizzata dalle radici alle sommità fiorite.
Primi raccolti: le foglie tenere si utilizzano fresche in insalate e altri piatti freschi.
Periodo del raccolto: le foglie si raccolgono in primavera, prima che inizi la fioritura, e se il clima lo consente anche in autunno a fioritura terminata.
I fiori si raccolgono appena aperti, i boccioli invece prima che sboccino.
Le radici si raccolgono a Novembre e sono da comsumare crude come un vegetale da radice. Ovviamente il raccolto della radice estirpa la pianta.
Conservazione: tutti i raccolti sono da consumare freschi, i boccioli si possono conservare sottaceto.

Fine stagione


Comportamento: perenne.
Note: in climi favorevoli la pianta si mantiene verde e vitale per tutto l'anno. In autunno sono possibili raccolti limitati di foglie, da consumare previa cottura se non abbastanza tenere.
Semi: raccogliere i soffioni non appena si aprono, prima che disperdano i semi naturalmente.


Raccogliere e consumare il tarassaco


Ogni parte del tarassaco è commestibile, dalle radici fino ai boccioli. Vediamo quando raccogliere ogni parte e come utilizzarla.

Tarassaco rinato in primaveraFoglie e fiori

Le foglie più tenere e i fiori appena sbocciati si possono usare freschi in insalate, raccolti per tutta la primavera. In estate o autunno le foglie possono essere raccolte, ma è meglio consumarle cotte: saltate, lesse o in frittate.

Insalata di tarassaco e crema di uova
Frittata con foglie di ravanello, tarassaco e aglio cinese
Polpette di farro e legumi


Boccioli di tarassacoBoccioli

Anche i boccioli non germogliati di tarassaco sono commestibili, e il loro sapore amarognolo e selvaggio vale sicuramente questa semplissima ricetta:
Preparare e conservare i boccioli di tarassaco


Raccolta semi di tarassacoRaccolta dei semi

La fioritura inizia in tarda primavera e prosegue per tutta l'estate e l'inizio dell'autunno. I fiori sfioriscono e generano i classici soffioni, che disperdono i loro semi nel giro di qualche giorno.
Per raccoglierli è bene non attendere troppo, e usare un sacchettino di carta dove far cadere i semi senza disperderli in terra. E' sufficiente lasciarli essiccare ancora qualche giorno, lasciando aperto il sacchetto in cui li avete raccolti.


Raccolta radici di tarassacoRadici

Anche la radice del tarassaco è commestibile, la si raccoglie in novembre, scavando in profondità, e ovviamente raccogliendola la pianta viene estirpata.
E' una piccola delizia da consumare cruda come un ravanello, o da essiccare per preparare un infuso che veniva spesso usato come sostitutivo del caffè.

In entrambi i casi: estrarre la pianta scavando in profondità, eliminare le foglie e raschiare delicatamente la radice per eliminare la parte giallo scuro. Tagliare a pezzetti e utilizzare la radice fresca o essiccarla in luogo buio e ventilato.


La crociata delle erbacceLa crociata delle erbacce - Tarassaco
Suggerimenti e idee per utilizzare le erbe infestanti.

Come estirparlo: le radici del tarassaco si estendono in profondità, quindi è necessario scavare per estirpare la pianta.
In primavera i fiori creano i soffioni, da cui i semi si spandono nel terreno circostante: eliminare i fiori prima che appassiscano

Come propagarlo e mantenerlo: raccogliere i semi dai soffioni, e seminare in primavera.
In seguito tagliare le foglie alla base senza eliminare tutta la rosetta, e senza strappare via la pianta.

Ricette: Sfogliate tutte le ricette con il tarassaco pubblicate su Erbe in Cucina.



I primi HabaneroUn anno fa:

I primi Habanero
Potrebbe interessarvi...

Coltivare il cumino


Consigli per la coltivazione e il raccolto
5 commenti

Gallery correlate



Commenti

Autore: Aelwyn
10/01/2010

Ciao! Gran bel blog! Ti vorrei solo dire che la piantina che hai fotografato non è sicuramente un tarassaco; credo sia una costolina (Hypochoeris sp.), che è comunque sempre buona da mangiare :-)


Autore: Graziana
10/01/2010

Ciao Aelwyn, tarassaco e costolina sono molto simili e possono essere confuse. La costolina ha fiori più piccoli e foglie più longilinee e allungate rispetto al tarassaco.


Autore: roberto
04/09/2011

mi hanno chiesto 300 euro piu iva per 100 grammi di semi di tarassaco!hahahahah sono pazzi!una ditta di milano!


Autore: Graziana
04/09/2011

ahah effettivamente è un po eccessivo!


Autore: Federica
15/08/2016

Ottimo articolo! Leggi anche questo che ti spiega il tarassaco quel fiore giallo ovunque
http://www.ilpolliceverde.com/tarassaco/


Aggiungi un commento
Date prima un'occhiata alla pagina delle FAQ per trovare subito una risposta alle domande più comuni.


 


Per commentare inserire le scritte della foto nella casella sottostante.
Autore:
 
Mail:
 
URL:

Ultimi articoli

Ricetta: Frollini alla salvia e menta
Dolci alle erbe e spezie
Un pizzico di salvia e della menta essiccate, dal raccolto dell'estate scorsa, aromatizzano questi frollini croccanti eppure morbidi dentro, perfetti da inzuppare. Le erbe si sento...

Ricetta: Crema di asparagi al curry
Zuppe e creme di verdure alle erbe e spezie
Il curry è una miscela di spezie originaria della cucina indiana, ma ben nota in tutto il mondo. Uno degli ingredienti principali è la curcuma, che dona ai cibi una nota decisa di ...

Riconoscere erbe e spezie: le brassicaceae
Coltivare le erbe aromatiche
Tra le brassicaceae si annoverano non solo tutte le varietà di cavolo, ma anche diverse erbe aromatiche e spezie, tra cui senape, rafano, crescione e numerose verdure da taglio di ...

Ricetta: Insalata di spinaci, capicollo e cranberries
Dall'orto al piatto
Tra le mie scoperte degli ultimi anni, una delle più apprezzate dalla mia famiglia sono stati gli spinaci indiani, noti anche come malabar. Si tratta di una pianta in realtà non...

Fiori di ravanello
I fiori che non vi aspettate
Come ogni anno, a fine estate ho seminato le colture autunnali, erbe e ortaggi adatti alla stagione fredda: coriandolo, aneto, prezzemolo, cerfoglio, ravanelli, carote, barbabietol...

Tutti gli articoli